Da qualche mese il Kemper Profiling Amp fa bella mostra di sé sul rack della regia, e dopo averlo utilizzato su varie produzioni e in contesti diversi l’ho messo alla prova con un confronto diretto stile “blind test”.

L’intento del video non è alimentare la solita sterile polemica tra “analogico” e “digitale”, ma di eseguire un test in un contesto reale, cioè quello di una parte di chitarra inserita all’interno di un mix.

Lo strumento di partenza è un amplificatore valvolare Marshall Class 5, un cinque watt tutto crunch e carattere, collegato ad una cassa Orange 2×12 con coni Vintage 30. Per aggiungere un po’ di colore al tutto ho inserito un overdrive Bad Monkey (sicuramente non un pedale di boutique, ma utile allo scopo).

Per contestualizzare il tutto ho creato un brano ad hoc con basso e batteria ed eseguito un reamp delle parti di chitarra con l’amplificatore e con il Kemper.

Nel video le parti “reali” e “virtuali” sono evidenziate in giallo e in blu, ma sta a voi indovinare qual è l’amplificatore o il profilo virtuale!

Condividi questo articolo

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi